“250 a.C. circa. Castiglione di Paludi: l’esercito di Thurii si appresta ad assediare la città brettia. I due rispettivi capi, simili nell’aspetto fisico e nella preoccupazione per la battaglia, si dedicano ai preparativi.

Trent’anni prima, circa. Atene, porto del Pireo, una famiglia con due bambini si imbarca per trasferirsi nella colonia di Thurii. A largo della costa ionica, una violenta tempesta fa cadere in mare uno dei due fratelli, mentre i superstiti riescono a raggiungere il porto di destinazione.

Il piccolo naufrago, dato per disperso dai suoi familiari, viene invece raccolto ancora vivo sulla spiaggia alla foce del fiume Cosèrie da un anziano pastore brettio…”

La visione del video, ambientato in una suggestiva ricostruzione 3D sviluppata dalle rovine di Castiglione, immerge lo spettatore nell’ambientazione della città in età ellenistica, con le sue mura, le porte, le torri, le strade, le case e soprattutto i suoi abitanti.

Come location principale di “Fratelli/Αδελφοι è stato scelto l’Edificio III dell’Abitato Nord di Castiglione, trattandosi di una struttura ben conservata, perlomeno in pianta, e quindi facilmente riconoscibile durante la visita sul sito.

Punctum della fiction è, infatti, il collegamento emozionale tra i poveri resti della casa e le vicende di fantasia che si è voluto far svolgere al suo interno.

“Fratelli/Αδελφοι rappresenta, allo stesso tempo, il prequel e il sequel del video “L’attesa. Una storia brettia a Castiglione di Paludi”, breve documentario, con la seconda parte di fiction in animazione digitale, sulla storia dei Brettii e di Castiglione, realizzato dagli stessi autori nel 2015 (Produzione GAL Sila Greca Basso Ionio Cosentino; realizzato da Matrix 96 Soc. Coop. e Pool Factory srl.) e visibile anch’esso presso il Centro accoglienza visitatori di Paludi.

 

Credits:

“Fratelli/Αδελφοι

Cortometraggio animato

Durata: 10 min. circa.

Lingue: film muto.

Sottotitoli: italiano e inglese.

A cura di: Andrea Schiappelli.

Realizzato da: Juan Pablo Etcheverry.

Regia: Juan Pablo Etcheverry.